PANDORZU LOGO.jpg
pandorzu.png

SCOPRI LE NOSTRE RICETTE

pandorzÜ

una storia tutta ligure

Un pane antico questo che si colloca come origine proprio in Valle Argentina e più precisamente nella piccola valle laterale di Carpasina identificato nel paese di Carpasio.

Una miscela di farina d’orzo integrale, acqua, sale; un impasto a forma di filone che vien tagliato a fette e poi messo in cottura e portato alla riduzione della sua umidità fino ad una consistenza secca. Era il pane dalla lunga conservazione, il pane per il consumo durante il lavoro in campagna, il pane che ha la capacita di imprigionare il vero sapore del cereale macinato grossolano e lasciato nella sua purezza. Un pane che fonda la sua origine nel suo consumo ottimale con il pomodoro, olio, acciuga salata, basilico, aglio, e tanto olio taggiasco, in alcuni casi anche con una aggiunta di un poco di Bruss il noto formaggio spalmabile tipico dell'alta Valle Argentina.

Noi ve lo proponiamo in anche altre possibili ricette, alcune riprese dal passato e altre più nuove, come per esempio quello di porlo nel piatto fondo con un po di noce moscata grattugiata, parmigiano o un po’ di Bruss e poi annegarlo con un brodo di carne, eccezionale se di gallina. Fette di pan d'orzo al forno con tanta cipolla, brodo vegetale,uovo sbattuto con poco di latte e parmigiano, oppure bagnato con poca acqua e poi spalmato di burro e con acciughe salate. Vi proponiamo una versione assolutamente innovativa presentata durante la prima edizione di Meditaggiasca, una interpretazione dolce: fette di pan d'orzu latte di capra formaggio di capra fragole e lavanda. Oppure una versione con panizza calda, pan d'orzu, conditi con emulsione di olio taggiasco tanto limone e pepe.

PANDORZÜ
press to zoom
PANDORZÜ
press to zoom
PANDORZÜ
press to zoom
PANE DI OZ
press to zoom
PANDORZÜ
press to zoom
PANE DI OZ
press to zoom
1/1
Pandorzu_edited.jpg
Pane di Oz pandorzu.jpg

Confezione da 200 g